Categorie
Recensioni

Il seme della follia

(1995) R: John Carpenter A: Sam Neill, Jürgen Prochnow, Julie Carmen, David Warner. Investigatore privato viene ingaggiato per rintracciare uno scrittore di libri horror scomparso nel nulla. Pellicola orroristica cultuale e deliziosamente paurosa.

Categorie
Recensioni

Carrie – Lo sguardo di Satana

(1976) R: Brian De Palma A: Sissy Spacek, Piper Laurie, Amy Irving, John Travolta. Timida adolescente scopre di avere dei poteri soprannaturali. Da un romanzo di Stephen King, film orrorifico godurioso e scioccante. Ha avuto un seguito e due rifacimenti.

Categorie
Recensioni

Stigmate

(1999) R: Rupert Wainwright A: Patricia Arquette, Gabriel Byrne, Jonathan Pryce, Nia Long. Horror religioso su una giovane parrucchiera che diventa vittima di strani sanguinamenti dopo aver ricevuto in dono un rosario. Ridondante, ma terrorizza efficacemente. Di pregio la colonna sonora.

Categorie
Recensioni

The Blair Witch Project – Il mistero della strega di Blair

(1999) R: Daniel Myrick, Eduardo Sánchez A: Heather Donahue, Michael C. Williams, Joshua Leonard, Bob Griffin. Horror originalissimo e crudo girato a mo’ di documentario su un gruppetto di giovani che si avventura in una foresta oggetto di una misteriosa leggenda. Se pensate di aver già sperimentato lo spavento vero, non avete ancora visto questo film.

Categorie
Recensioni

Venerdì 13

(1980) R: Sean S. Cunningham A: Betsy Palmer, Adrienne King, Jeannine Taylor, Robbi Morgan. Il primo di una lunghiiiiissima saga di film paurosi su un tremendo assassino con la maschera da hockey è un horror truce di forte impatto visivo. Se sentite il bisogno di essere spaventati, questo è il film che fa per voi.

Categorie
Recensioni

La casa dalle finestre che ridono

(1976) R: Pupi Avati A: Lino Capolicchio, Francesca Marciano, Gianni Cavina, Giulio Pizzirani. Giovane restauratore deve sistemare un affresco in una chiesa di campagna, ma attenzione che il terrore è dietro l’angolo. Orrorifico giallo nazionalpopolare ricco di atmosfera cupa, che instilla nello spettatore un malsano quanto accattivante senso di inquietudine.

Categorie
Recensioni

L’uccello dalle piume di cristallo

(1970) R: Dario Argento A: Tony Musante, Suzy Kendall, Enrico Maria Salerno, Eva Renzi. Scrittore americano a Roma assiste all’accoltellamento di una donna da parte di un losco figuro. L’opera prima di Argento è un intrigante ibrido thriller-horror solido, costruito tutto attorno alla paura atavica del buio. Non certamente il miglior lavoro del cineasta del brivido, ma vale sicuramente la pena di darci un occhio.

Categorie
Recensioni

Suspiria

(1977) R: Dario Argento A: Jessica Harper, Stefania Casini, Flavio Bucci, Miguel Bosé. Da un romanzo di Thomas de Quincey, ballerina americana arriva in una scuola di danza in Germania e scopre che nella scuola succedono cose strane. Fra i più grandi lavori di Dario Argento, un orrorifico giallo rosso sangue, macabro e tagliente come una lama. Rifacimento nel 2018 da parte di Luca Guadagnino.

Categorie
Recensioni

Rosemary’s Baby – Nastro rosso a New York

(1968) R: Roman Polanski A: Mia Farrow, John Cassavetes, Ruth Gordon, Sidney Blackmer. Favola paurosa su una giovane moglie che rimane incinta del demonio. Dal romanzo omonimo di Ira Levin, opera in cui è l’alienazione mentale più che il terrore a farla da padrona. Polanski è abile e perfido nel mettere lo spettatore in uno stato di ansia perenne. Oscar come miglior attrice non protagonista a Ruth Gordon.

Categorie
Recensioni

Nosferatu, principe della notte

(1979) R: Werner Herzog A: Klaus Kinski, Isabelle Adjani, Bruno Ganz, Roland Topor. Affascinante rifacimento del film del 1922 sul conte Dracula. Funziona tutto, l’atmosfera che penetra, i costumi evocativi, le tetre scenografie. E la performance di Kinski ? Sembra nato per fare il vampiro! A Murnau con i più sentiti omaggi.