Categorie
Recensioni

Scala al paradiso

(1946) R: Michael Powell, Emeric Pressburger A: David Niven, Kim Hunter, Robert Coote, Kathleen Byron. Seconda guerra mondiale: pilota inglese si innamora di una operatrice radio statunitense con cui aveva comunicato prima di essere abbattuto. Delizioso fantasy romantico egregiamente realizzato.

Categorie
Recensioni

Duello a Berlino

(1943) R: Michael Powell, Emeric Pressburger A: Roger Livesey, Deborah Kerr, Anton Walbrook, James McKechnie. Rappresentazione sentimental-guerresca eccellentemente eseguita di una grande amicizia fra due ufficiali, uno britannico l’altro tedesco, nel corso di decenni.

Categorie
Recensioni

Scarpette rosse

(1948) R: Michael Powell, Emeric Pressburger A: Anton Walbrook, Marius Goring, Moira Shearer, Robert Helpmann. Classicone di impareggiabile forza visivo-espressiva che parla di una ballerina classica stretta fra la sua passione per la danza e il suo desiderio di amare. 2 gli Oscar (scenografia, colonna sonora).

Categorie
Recensioni

L’occhio che uccide

(1960 ) R: Michael Powell A: Karlheinz Böhm, Anna Massey, Moira Shearer, Maxine Audley. Pellicola sistematicamente inquietante e perversa su un fotografo killer che ha il vizio di immortalare le sue vittime mentre le uccide. Diventato col tempo un vero e proprio cult.

Categorie
Recensioni

I racconti di Hoffmann

(1951) R: Michael Powell, Emeric Pressburger A: Moira Shearer, Robert Rounseville, Ludmilla Tchérina, Ann Ayars. Adattamento di un’opera di Offenbach: il poeta Hoffmann è alle prese con delle sfortunate storie d’amore avute con tre donne diverse. Surreal-evocativo fantamusical non per tutte le tipologie spettatoriali, è ad ogni modo un film originale e tecnicamente impressionante. Premio speciale a Cannes.

Categorie
Recensioni

Il ladro di Bagdad

(1940) R: Ludwig Berger, Michael Powell, Tim Whelan A: Conrad Veidt, Sabu, June Duprez. Giovane sultano di Bagdad e il suo amico ladro sfidano un mago in un racconto da Mille e una notte. Vivace e davvero geniale in tutti i sensi, è una splendida favola colorata di fascino che il tempo non sembra sia riuscito ancora a scalfire.