Categorie
Recensioni

Capone

(2020) R: Josh Trank A: Tom Hardy, Linda Cardellini, Matt Dillon, Al Sapienza. Tom Hardy è la cosa che più si avvicina a Marlon Brando, ed è solo grazie a lui se questo film obnubilato e inconcludente sull’ultimo periodo della vita di Al Capone non affonda. Una performance capolavoriale assolutamente da non perdere.

Categorie
Recensioni

Asfalto che scotta

(1960) R: Claude Sautet A: Lino Ventura, Sandra Milo, Jean-Paul Belmondo, Marcel Dalio. Il ricercato per omicidio Ventura si dà alla macchia aiutato dal giovane gangster Belmondo. Stilizzato e fortemente attraente, con delle performance stellari. Tratto da un romanzo di José Giovanni, è da considerarsi fra i migliori gialli della cinematografia francese.

Categorie
Recensioni

Vallanzasca – Gli angeli del male

(2010) R: Michele Placido A: Kim Rossi Stuart, Filippo Timi, Valeria Solarino, Moritz Bleibtreu. Vivido e coinvolgente film gangsteristico sul bandito Renato Vallanzasca, impeccabilmente diretto da Placido mentre Rossi Stuart fornisce una rappresentazione fervida e spietatamente affascinante del leggendario criminale.

Categorie
Recensioni

Lawless

(2012) R: John Hillcoat A: Tom Hardy, Shia LaBeouf, Guy Pearce, Jason Clarke. Vera storia di una leggendaria famiglia di commercianti abusivi di alcol durante il periodo del Proibizionismo. Quintalate di violenza e recitazione fortemente carismatica sono tutto ciò che questo film ha da offrire, ma direi che basta e avanza per farne un appetitoso intrattenimento.

Categorie
Recensioni

Mean Streets – Domenica in chiesa, lunedì all’inferno

(1978) R: Martin Scorsese A: Robert De Niro, Harvey Keitel, David Proval, Amy Robinson. Ragazzo di Little Italy prova a farsi strada nella malavita locale. Complice un montaggio vorticoso nonché una puntigliosa ricostruzione ambientale, questa storia di gangsterismo scorsesiano conquista grazie a una recitazione esaltante.

Categorie
Recensioni

Black Mass – L’ultimo gangster

(2015) R: Scott Cooper A: Johnny Depp, Benedict Cumberbatch, Dakota Johnson, Joel Edgerton. Chi dice che Depp è in fase calante non ha ancora visto questo film! Tratta dall’omonimo libro, la pellicola è la storia vera di un criminale anni 70 di South Boston che decide di collaborare con l’FBI per sbarazzarsi di un nemico comune : la mafia italiana. Appassionante, violento, sardonico, è tutto quanto come dev’essere un film di gangster per farsi ricordare. J. Depp irriconoscibile nell’aspetto ma è ampiamente riconoscibile nel fervore che mette in ogni prova.

Categorie
Recensioni

Pulp Fiction

(1994) R: Quentin Tarantino A: John Travolta, Uma Thurman, Samuel L. Jackson, Harvey Keitel, Tim Roth, Bruce Willis, Christopher Walken, Rosanna Arquette. Tarantino scrive tre storie di malavita, il resto lo fanno Travolta e compagnia sparante. Dialoghi vivacissimi, violenza che diventa quasi spassosa, personaggi tratteggiati alla perfezione, almeno due scene memorabili… cosa volere di più! Tantissimi i riconoscimenti, fra cui Palma d’Oro a Cannes e Oscar per la miglior sceneggiatura originale a Quentin Tarantino e Roger Avary.

Categorie
Recensioni

Quei bravi ragazzi

(1990) R: Martin Scorsese A: Robert De Niro, Ray Liotta, Joe Pesci. Dal romanzo IL DELITTO PAGA BENE di Nicholas Pileggi, ragazzo italoamericano di Brooklyn sogna di diventare un gangster. Duro, a tratti inclemente, eccessivamente lungo ma perfettamente realizzato, risulta una indimenticabile analisi clinica sulla mafia.

Categorie
Recensioni

Nemico pubblico – Public Enemies

(2009) R: Michael Mann A: Christian Bale, Johnny Depp, James Russo. La vera storia di John Dillinger, mitico gangster americano degli anni Trenta. Bello stile registico come ci si aspetta sempre da Mann, dettagliata ricostruzione scenografica, piombo a catinelle. Depp in guanti di pelle nera è magnetico.

Categorie
Recensioni

Legend

(2015) R: Brian Helgeland A: Tom Hardy, Emily Browning, Christopher Eccleston. Storia vera dei gemelli Kray (Hardy e… Hardy!) famosi criminali della Londra anni 60. Biofilm gangsteristico in stile vagamente scorsesiano incentrato su una magnifica doppia performance di Tom Hardy che trova sempre il guizzo giusto.