Categorie
Recensioni

La città delle donne

(1980) R: Federico Fellini A: Marcello Mastroianni, Anna Prucnal, Bernice Stegers, Jole Silvani.  Soltanto un autore avrebbe potuto concepire un film del genere: fantasy rosa con protagonista uno sbalorditivo Mastroianni che ci conduce in un mondo pieno di donne. Sfrenato, impertinente, sensuale, un pezzo pregiato all’interno della storia della cinematografia tutta.

Categorie
Recensioni

Oci ciornie

(1987) R: Nikita Michalkov A: Marcello Mastroianni, Silvana Mangano, Marthe Keller, Elena Safonova. Un russo e un italiano (non è una barzelletta!) si incontrano su una nave e l’italiano inizia a raccontare al russo la sua storia. Stratosferica è poco per descrivere la prestazione da vecchio donnaiolo di Mastroianni, grazie alla quale fu premiato a Cannes. Per il resto, questo film tratto da Cechov dal titolo che mi ha sempre incuriosito è nostalgico, poetico, e bellissimo. Ultima apparizione su grande schermo per Silvana Mangano, fra le migliori attrici nostrane.

Categorie
Recensioni

Domenica d’agosto

(1950) R: Luciano Emmer A: Anna Baldini, Vera Carmi, Emilio Cigoli, Andrea Compagnoni, Marcello Mastroianni. Racconto di una domenica d’agosto al Lido di Ostia in mezzo a una vasta gamma di umanità. Pellicola divertente e che più nazionalpopolare si muore, vederla è come farsi letteralmente un bagno nel mare della nostalgia. Ma di Mastroianni (al suo primo vero ruolo) doppiato da Sordi, ne parliamo ??

Categorie
Recensioni

Ieri, oggi, domani

(1963) R: Vittorio De Sica A: Sophia Loren, Marcello Mastroianni, Aldo Giuffrè, Agostino Salvietti. La Loren mai stata più sexy, moltiplica per 3 il suo fascino in altrettanti episodi tutti al femminile, accompagnata dalla ammirevole figura di Mastroianni. E’ una gemma del cinema italiano e mondiale che vinse l’ Oscar, spassosa commedia che fa godere alla prima visione come alla decima. Lo spogliarello di Sophia Loren può dirsi entrato a buon diritto nella memoria collettiva.

Categorie
Recensioni

Matrimonio all’italiana

(1964) R: Vittorio De Sica A: Sophia Loren, Marcello Mastroianni, Aldo Puglisi, Tecla Scarano. L’ex prostituta Loren cerca in tutti i modi di farsi sposare dal ricco Mastroianni. Amabile trasposizione della commedia teatrale Filumena Marturano di Eduardo De Filippo, nutrita da due interpreti estremamente seducenti. Diversi i riconoscimenti, in particolare 4 David di Donatello per miglior regista, produttore, attrice e attore protagonisti.

Categorie
Recensioni

Una giornata particolare

(1971) R: Ettore Scola A: Sophia Loren, Marcello Mastroianni, John Vernon, Francoise Berd. Casalinga popolana e giornalista omosessuale si incontrano per caso a Roma nel 1938. Film d’autore di bella raffinatezza, ben sorretto da due “stelle” del cinema nostrano che dialogano fra loro in maniera altamente dilettevole. Golden Globe come miglior film straniero e due candidature agli Oscar, una per Mastroianni.

Categorie
Recensioni

Il bell’Antonio

(1960) R: Mauro Bolognini A: Marcello Mastroianni, Claudia Cardinale, Pierre Brasseur, Rina Morelli, Tomas Milian. Mastroianni, uomo molto amato dalle donne (ma vah?!), è considerato l’amante perfetto, ma solo la splendida moglie Cardinale conosce la verità. Liberamente tratto dall’omonimo romanzo di Vitaliano Brancati, pittoresco scorcio di Sicilia sessantesca all’interno del quale si muove spavaldo e compiaciuto uno stupendo Marcello Mastroianni.

Categorie
Recensioni

Dramma della gelosia – Tutti i particolari in cronaca

(1970) R: Ettore Scola A: Marcello Mastroianni, Monica Vitti, Giancarlo Giannini, Manuel Zarzo. Mastroianni e Giannini sono due popolani entrambi innamorati della stessa splendida Vitti. La sagacia dei dialoghi e le convulse interpretazioni ne fanno un valente saggio di comicità “all’italiana”. Premio (meritatissimo) per Mastroianni come migliore interpretazione maschile al Festival di Cannes.

Categorie
Recensioni

Otto e mezzo

(1963) R: Federico Fellini A: Marcello Mastroianni, Anouk Aimée, Claudia Cardinale. Mastroianni è un regista in crisi che per il suo nuovo progetto si affida a ricordi e fantasie. Opera lunga, tortuosa, cervellotica, di fascino imperituro. E’ un Fellini che si specchia. Annoverato a ragione fra i migliori film della storia del cinema.

Categorie
Recensioni

I soliti ignoti

(1958 R: Mario Monicelli A: Vittorio Gassman, Marcello Mastroianni, Renato Salvatori, Totò, Claudia Cardinale. Ladri da quattro soldi tentano di svaligiare la cassaforte del Monte di Pieta’. Ben congeniata, celebri battute, al cast ci sono i soliti noti, signore e signori… la commedia all’italiana!