Categorie
Recensioni

Qualcosa di personale

(1996) R: Jon Avnet A: Robert Redford, Michelle Pfeiffer, Stockard Channing, Joe Mantegna. Il caporedattore Redford porta al successo la giovane e ambiziosa giornalista Pfeiffer. Tutto però ha un prezzo… Dramma che funziona perfettamente sul piano della storia d’amore magnificamente intrecciata dalle sue “stelle”.

Categorie
Recensioni

Hairspray – Grasso è bello

(2007) R: Adam Shankman A: John Travolta, Queen Latifah, Nikki Blonsky, Michelle Pfeiffer. Adattamento cinematografico di una celebre produzione di Broadway, parla di un’adolescente degli anni sessanta di Baltimora che fa un provino per uno spot, vince la parte e diventa così una celebrità. Commedia vitale e allegra, verrete investiti da un’onda musicale di puro divertimento. Travolta è travolgente truccato da donna che fa la madre della protagonista.

Categorie
Recensioni

Cose nostre – Malavita

(2013) R: Luc Besson A: Robert De Niro, Michelle Pfeiffer, Dianna Agron, John D’Leo, Tommy Lee Jones. Boss mafioso e la sua famiglia vengono trasferiti in una sonnolenta cittadina della Francia nell’ambito del programma di protezione dei testimoni, ma adattarsi alla nuova vita non è semplice. Farsa puntellata da momenti di ammiccante azione e prestazioni attoriali gustose. Produce Martin Scorsese.

Categorie
Recensioni

Le verità nascoste

(2000) R: Robert Zemeckis A: Harrison Ford, Michelle Pfeiffer, Katharine Towne, Miranda Otto. L’ex concertista Pfeiffer e il marito scienziato Ford conducono una vita apparentemente tranquilla finché a un certo punto la Pfeiffer non inizia a sentire le voci. Giallo d’autore con venature orrorifiche, teso, ben diretto e altrettanto bene recitato, non perfetto eppure con i suoi momenti gustosi.

Categorie
Recensioni

Ladyhawke

(1985) R: Richard Donner A: Matthew Broderick, Rutger Hauer, Michelle Pfeiffer, Leo McKern. Due amanti per colpa di un incantesimo non possono stare insieme, li aiuterà un ladruncolo. Bella favoletta romantica, meravigliosamente fotografata da Vittorio Storaro.

Categorie
Recensioni

Le relazioni pericolose

(1988) R: Stephen Frears A: Glenn Close, John Malkovich, Michelle Pfeiffer, Swoosie Kurtz. Investigazione curiosa, umoristica e perversa sulla seduzione, avente come protagonisti due ex amanti nella Francia rivoluzionaria. Dal romanzo omonimo, ottenne 3 Oscar per sceneggiatura, scenografia e costumi.

Categorie
Recensioni

Paura d’amare

(1991) R: Garry Marshall A:  Al Pacino, Michelle Pfeiffer, Hector Elizondo. Pacino esce di galera, trova lavoro come cuoco e s’innamora. Da un’opera teatrale, un superbo ritratto della solitudine. Pacino (magnificamente doppiato da Ferruccio Amendola) attrae fortemente, la Pfeiffer la imbruttiscono ma piace lo stesso.

Categorie
Recensioni

Scarface

(1983) R: Brian De Palma A: Al Pacino, Michelle Pfeiffer, Steven Bauer. Pacino e’ Tony Montana, un ambizioso esule cubano che diventa il signore della droga di Miami. Remake dell’omonimo film in b/n di Howard Hawks, tutto è qui eccessivo e nevrotico, dalla direzione alla recitazione talmente furiosa che a tratti l’attore italoamericano sembra addirittura venire sopraffatto dal suo talento! Nonostante le critiche non sempre positive, è divenuto negli anni un caposaldo della pop-culture.

Categorie
Recensioni

L’età dell’innocenza

(1993) R: Martin Scorsese A: Daniel Day-Lewis, Michelle Pfeiffer, Winona Ryder. Dall’omonimo romanzo di Edith Wharton, ricco avvocato perde la testa per la cugina della sua fidanzata. Suggestivi i costumi e le scenografie, incantevoli gli attori, Scorsese cerca amore e trova inevitabilmente arte. Benché lungo e a tratti eccessivamente compassato, è da molti (compreso il sottoscritto) ritenuto uno dei migliori lavori del regista italoamericano.

Categorie
Recensioni

Le streghe di Eastwick

(1987) R: George Miller A: Jack Nicholson, Cher, Susan Sarandon, Michelle Pfeiffer. Tre belle mangiatrici di uomini vengono sedotte da una creatura diabolica scesa sulla terra per procreare. Grottesche amenità da far paura, con Nicholson fra 3 star che tocca vette indicibili. Basato sull’omonimo romanzo.