Categorie
Recensioni

L’isola perduta

(1996) R: John Frankenheimer, Richard Stanley (non accreditato) A: David Thewlis, Marlon Brando, Val Kilmer, Fairuza Balk. Il membro delle Nazioni Unite Thewlis rimane bloccato ai tropici con lo scienziato pazzo Brando che crea bestie semi umane. Discutibile adattamento di un romanzo fantascientifico, è un film discretamente mal fatto ma ogni volta che un fantasmagorico Marlon Brando appare sullo schermo fa trasecolare.

Categorie
Recensioni

I due volti della vendetta

(1961) R: Marlon Brando A: Marlon Brando, Karl Malden, Pina Pellicer, Katy Jurado. Il rapinatore Brando uscito dal carcere decide di vendicarsi del suo ex complice divenuto uomo di legge. Western sghembo e accattivante, ben diretto ed epicamente interpretato da una delle stelle più luminose di Hollywood. Trattasi dell’unico film di Marlon Brando regista.

Categorie
Recensioni

Don Juan De Marco – Maestro d’amore

(1994) R:  Jeremy Leven A:  Johnny Depp, Marlon Brando, Faye Dunaway, Géraldine Pailhas. Psichiatra (Brando) deve guarire uno squinternato (Depp) che millanta di essere il più grande amante del mondo. Questo film è semplicemente un buon film, a farne un film superlativo sono le prestazioni da knock-out delle sue “stelle”.

Categorie
Recensioni

Giulio Cesare

(1953) R: Joseph L. Mankiewicz A:  Louis Calhern, Marlon Brando, James Mason, John Gielgud. Gustoso adattamento per il cinema della omonima tragedia di Shakespeare che racconta della cospirazione che porterà all’omicidio del grande condottiero romano. Brando/Cesare è una stella che brilla di luce propria e illumina una scenografia da Oscar.

Categorie
Recensioni

Superman

(1978) R: Richard Donner A: Christopher Reeve, Margot Kidder, Gene Hackman, Marlon Brando. Accorato tributo a un personaggio mitologico (forse il più mitologico) dei fumetti, pieno di azione e romanticismo fantascientifico. Indimenticabile la performance di Reeve che fa Superman. Ebbe l’Oscar per i migliori effetti speciali.

Categorie
Recensioni

Gli ammutinati del Bounty

(1962) R: Lewis Milestone, Carol Reed (non accreditato) A: Marlon Brando, Trevor Howard, Richard Harris, Hugh Griffith. Il rifacimento di un classico del 1935 che racconta le vicende di una nave, del suo duro capitano e di un ammutinamento, è un variopinto film avventuroso con degli sfondi da National geographic e una colonna sonora efficace. Com’è suo costume Brando tende ad imporsi, e glielo si lascia fare volentieri.

Categorie
Recensioni

I giovani leoni

(1958) R: Edward Dmytryk A: Marlon Brando, Montgomery Clift, Dean Martin, Hope Lange. Dall’omonimo romanzo di Irwin Shaw, appassionante studio sulla Seconda guerra mondiale avente come protagonisti un tedesco (Brando) e due americani (Clift e Martin). Le tre “stelle” brillano e fanno brillare quello che sarebbe in ogni caso un buon film di guerra. Ma non buono così.

Categorie
Recensioni

La contessa di Hong Kong

(1967) R: Charles Chaplin A: Marlon Brando, Sophia Loren, Sydney Chaplin, Tippi Hedren. Brando è un diplomatico americano che durante un viaggio in nave conosce la contessa russa Loren in fuga verso l’ America. Considerato praticamente da tutti come uno dei lavori minori di Chaplin, la coppia di interpreti è però così spaventosamente affascinante che si risolve alla fine della fiera in un film delizioso.

Categorie
Recensioni

Pelle di serpente

(1960) R: Sidney Lumet A: Marlon Brando, Joanne Woodward, Anna Magnani, Maureen Stapleton. Brando musicista vagabondo arriva in città; col suo fascino porterà scompiglio. Da un’opera teatrale di Tennessee Williams, un film che pur evolvendosi irreparabilmente su sé stesso, grazie alla sola magnetica presenza di due autentiche “stelle” (Brando/Magnani) passa inevitabilmente da melodramma di fascino.

Categorie
Recensioni

Il selvaggio

(1953) R: Laszlo Benedek A: Marlon Brando, Mary Murphy, Robert Keit. Brando è il capo di una banda di motociclisti che mette a soqquadro una piccola cittadina. La pellicola vi restituirà una visione un filo datata, ma si tratta del film con il quale si perfeziona il processo di erotizzazione del divo Marlon Brando iniziato con UN TRAM CHE SI CHIAMA DESIDERIO. Quindi da non mancare.