Categorie
Recensioni

Miss Peregrine – La casa dei ragazzi speciali

(2016) R: Tim Burton A: Eva Green, Asa Butterfield, Samuel L. Jackson, Judi Dench. Pellicola fantastica visualmente abbagliante, ha come protagonisti dei singolari fanciulli ospiti di un misterioso orfanotrofio. Da La casa dei bambini speciali di Miss Peregrine (2011, Ransom Riggs).

Categorie
Recensioni

Womb

(2012) R: Benedek Fliegauf A: Eva Green, Matt Smith, Lesley Manville, Peter Wight. Dopo la morte prematura del suo amante, una donna decide di riportarlo in vita dando alla luce un suo clone. Elaborazione fanta-cinematografica dell’inquietante quesito morale sulla produzione di esseri geneticamente identici, in misura identica spaventa e affascina.

Categorie
Recensioni

Franklyn

(2008) R: Gerald McMorrow A: Eva Green, Ryan Phillippe, Sam Riley, Bernard Hill. Le vite di quattro personaggi si intersecano in due realtà parallele. Opera prima dell’esordiente McMorrow che confeziona un nuovo noir coraggioso e interessante.

Categorie
Recensioni

Le crociate

(2005) R: Ridley Scott A: Orlando Bloom, Eva Green, Liam Neeson, Martin Hancock. Orlando Bloom è un giovane fabbro che arriva a Gerusalemme e diventa un crociato. Sguardo possente ed equilibrato sulle “guerre sante”, con begli sfondi battaglieschi e Bloom che combatte più che onorabilmente per difendere il suo ruolo di cavaliere.

Categorie
Recensioni

The Dreamers – I sognatori

(2003) R: Bernardo Bertolucci A: Michael Pitt, Louis Garrel, Eva Green. Basato su un racconto che parla di un triangolo amoroso fra uno studente americano e una coppia di fratelli lui-lei. Bello da sfrontato, meno quando diventa morboso, è ciononostante un’opera di indubbio fascino, ben recitata e inevitabilmente ben diretta.

Categorie
Recensioni

Dark Shadows

(2012) R: Tim Burton A: Johnny Depp, Michelle Pfeiffer, Eva Green. Depp aristocratico vampiro sepolto vivo si risveglia dopo anni e decide di tornare al suo castello. Orrorifica commedia fantasy, cupa, visivamente gagliarda, dalle interpretazioni magistrali. Mai cocktail di generi fu più dissetante.