Categorie
Recensioni

Le Mans ’66 – La grande sfida

(2019) R: James Mangold A: Matt Damon, Christian Bale, Jon Bernthal, Caitriona Balfe. Sontuosa e avvincente messa in scena della leggendaria “guerra di motori” tra Ford e Ferrari. Il cast è da podio. 2 premi Oscar: montaggio, montaggio sonoro.

Categorie
Recensioni

Kate & Leopold

(2001) R: James Mangold A: Meg Ryan, Hugh Jackman, Liev Schreiber, Breckin Meyer. Giovane nuiorchese (Ryan) si innamora di un duca ottocentesco (Jackman) che ha viaggiato nel tempo. Complice la deliziosa interazione fra le sue star, costituisce un appuntamento perfetto per degli inguaribili romantici. Golden Globe alla miglior canzone (Sting).

Categorie
Recensioni

Identità

(2003) R: James Mangold A: John Cusack, Ray Liotta, Amanda Peet, John Hawkes. Ispirato a Dieci piccoli indiani di A. Christie, thriller ad alta tensione, ingegnoso e ricco di avvenimenti inaspettati che racconta di dieci estranei che durante una notte di tempesta si rifugiano in un motel dove iniziano a venire ammazzati uno a uno. L’ottimo cast dà una grossa mano alla riuscita della pellicola.

Categorie
Recensioni

Wolverine – L’immortale

(2013) R: James Mangold A: Hugh Jackman, Will Yun Lee, Tao Okamoto, Rila Fukushima. Sesto capitolo della interminabile saga di derivazione Marvel degli X-MEN , è un film supereroistico simpatico, esaltante e colorato. Assolutamente meraviglioso Jackman nel ruolo di Wolverine.

Categorie
Recensioni

Ragazze interrotte

(1999) R: James Mangold A: Winona Ryder, Angelina Jolie, Whoopi Goldberg. Storia vera di una ragazza (Ryder) apparentemente sana rinchiusa diciotto mesi in manicomio. Binomio normalità/follia espresso con finezza e vigore, Wino è delicata come un giglio, la Jolie stanislaschiana vince l’Oscar.

Categorie
Recensioni

Quando l’amore brucia l’anima

(2005) R: James Mangold A: Joaquin Phoenix, Reese Witherspoon, Ginnifer Goodwin. Storia del cantautore americano Johnny Cash, dagli esordi fino al memorabile concerto nel penitenziario di Folsom. Bio-film dalla traiettoria precisa e amabile, la Witherspoon, che vinse l’Oscar, è intensissima , mentre Phoenix ingobbito e tormentato letteralmente sprofonda nel ruolo.