Categorie
Recensioni

Follie d’inverno

(1936) R: George Stevens A: Fred Astaire, Ginger Rogers, Victor Moore, Helen Broderick. Ballerino con la passione per il gioco si invaghisce di una collega. Eccellente lavoro musicale, vispo e meravigliosamente coreografato, fra i migliori film dell’arcinoto duo danzante Astaire/Rogers. Oscar per la miglior canzone.

Categorie
Recensioni

Il gigante

(1956) R: George Stevens A: Elizabeth Taylor, Rock Hudson, James Dean, Carroll Baker. Dal romanzo di Edna Ferber, storia di due generazioni di proprietari terrieri texani. Melodramma non incredibile dalle fattezze di soap opera, è passato alla storia in quanto ultimo film di un mai abbastanza compianto James Dean. Un Oscar, per la miglior regia.

Categorie
Recensioni

Un posto al sole

(1951) R: George Stevens A: Montgomery Clift, Elizabeth Taylor, Shelley Winters. Ispirato a un romanzo di Theodore Dreiser, film su un povero in canna (Clift) che cerca di farsi strada nella vita togliendo di mezzo la fidanzata incinta per sposare una bella ereditiera. Lacrimevole e moralistico, ma la performance di Clift, approssimando per difetto, è spaventosa. 6 Oscar: regia, sceneggiatura, fotografia, montaggio, costumi, colonna sonora.