Categorie
Recensioni

L’orribile verità

(1937) R: Leo McCarey A: Irene Dunne, Cary Grant, Ralph Bellamy, Alexander D’Arcy. Memorabile farsa sofisticata che vive grazie al fascino delle sue “stelle”: coppia sposata dubita della reciproca fedeltà, si lascia, salvo poi rendersi conto che è amore vero. Oscar alla regia.

Categorie
Recensioni

La signora del venerdì

(1940) R: Howard Hawks A: Cary Grant, Rosalind Russell, Ralph Bellamy, Gene Lockhart. Quando la ex moglie dell’editore Grant decide di risposarsi, lui fa di tutto per ostacolarla. Commedia romantica assolutamente esplosiva, con raffiche di battute che non lasciano scampo.

Categorie
Recensioni

Il diavolo è femmina

(1935) R: George Cukor A: Katharine Hepburn, Cary Grant, Brian Aherne, Edmund Gwenn. Per aiutare il padre vedovo la Hepburn decide di travestirsi da ragazzo per potersi muovere più liberamente in società. Accattivante commedia sui generis con delle ottimamente energetiche interpretazioni. Da un romanzo di Compton Mackenzie.

Categorie
Recensioni

Scandalo a Filadelfia

(1940) R: George Cukor A: Cary Grant, Katharine Hepburn, James Stewart, Ruth Hussey. L’ereditiera Hepburn sbatte fuori di casa suo marito Grant, decide di risposarsi ma il suo ex le mette alle calcagna il giornalista Stewart con l’intento di boicottarle le nozze. Commedia perfetta senza se e senza ma, divertente, romantica, con una sceneggiatura spumeggiante e un cast sensazionale. Da un’opera di Broadway, guadagnò due Oscar, a James Stewart per il miglior attore protagonista e a Donald Ogden Stewart per la miglior sceneggiatura non originale.

Categorie
Recensioni

Il magnifico scherzo

(1952) R: Howard Hawks A: Cary Grant, Ginger Rogers, Marilyn Monroe, Charles Coburn. Un cast letteralmente stellare recita in questa spumeggiante e ben gestita commedia su un ricercatore che scopre casualmente l’elisir di lunga vita. Primo vero ruolo per una ventiseienne Monroe.

Categorie
Recensioni

Un amore splendido

(1957) R: Leo McCarey A: Cary Grant, Deborah Kerr, Richard Denning, Neva Patterson. Storia d’amore navale fra il donnaiolo Grant e la cantante di night club Kerr. Non c’è molto di più oltre al fascino della coppia Grant/Kerr in questo classicissimo dramma romantico, ma è più che sufficiente per farne un worth seeing.

Categorie
Recensioni

Incantesimo

(1938) R: George Cukor A: Katharine Hepburn, Cary Grant, Doris Nolan, Lew Ayres. Triangolo amoroso fra due ricchissime sorelle e un giovane di umili origini. Hepburn e Grant duettano meravigliosamente in questa brillante commedia fatta con tutti i crismi della grande commedia americana.

Categorie
Recensioni

Arsenico e vecchi merletti

(1944) R: Frank Capra A: Cary Grant, Priscilla Lane, Raymond Massey, Jack Carson. Lo scrittore Grant torna a casa delle zie per raccontargli del suo matrimonio fresco fresco, ma scopre che le sue adorabili ziette hanno un hobby molto particolare: l’omicidio! Brillante e spassoso adattamento di una commedia teatrale, con delle interpretazioni assolutamente sfavillanti.

Categorie
Recensioni

Caccia al ladro

(1955) R: Alfred Hitchcock A: Cary Grant, Grace Kelly, Jessie Royce Landis, John Williams. Ladro in pensione viene sospettato di essere tornato in attività in seguito a una serie di furti di gioielli. Giallo magistrale, elegante e avvincente, con un duo di star da brividi. Forse non il miglior Hitchcock in circolazione, ma comunque fra i migliori thriller in circolazione.

Categorie
Recensioni

Sciarada

(1963) R: Stanley Donen A: Cary Grant, Audrey Hepburn, Walter Matthau, James Coburn. Thriller di classe su una donna in fuga da degli uomini che vogliono impadronirsi di una fortuna rubata dal suo defunto marito. Si segue con allegra tensione questo bel film che può ben vantarsi di una riuscitissima performance ad alto tasso di chimica del duo Grant/Hepburn.