Categorie
Recensioni

Gosford Park

(2001) R: Robert Altman A: Maggie Smith, Ryan Phillippe, Michael Gambon, Kristin Scott Thomas. Coppia di facoltosi inglesi invita gli amici nella loro villa di campagna per un weekend di relax. Tutto bene fino a quando qualcuno non viene assassinato. Giallo umoristico affilato e intrattenente. Vinse l’Oscar per la migliore sceneggiatura originale.

Categorie
Recensioni

America oggi

(1993) R: Robert Altman A: Andie MacDowell, Julianne Moore, Tim Robbins, Bruce Davison. Altman come un abile maestro d’orchestra dirige un prezioso ensemble di 22 personaggi che danno vita a 9 storielline agrodolci con Los Angeles come sfondo, adattate da racconti di Raymond Carver. Leone d’Oro per il miglior film a Venezia.

Categorie
Recensioni

Il lungo addio

(1973) R: Robert Altman A: Elliott Gould, Nina van Pallandt, Sterling Hayden, Mark Rydell. Dall’omonimo romanzo di Raymond Chandler, il detective Marlowe (Gould) per aiutare un amico finisce invischiato in un caso di omicidio. Attacco frontale di Altman al noir, che gli diventa fra le mani un poliziesco lento e non oltremodo eccitante ma sottile e ingegnoso come pochi. Succoso il cameo di Schwarzenegger nel ruolo di un tirapiedi.

Categorie
Recensioni

Nashville

(1975) R: Robert Altman A: Keith Carradine, Karen Black, Ronee Blakley, Shelley Duvall. I destini di 24 personaggi si intrecciano imprevedibilmente durante un festival di musica country a Nashville. Il meraviglioso Altman compone un variopinto collage di vite americane usando come collante il suo appuntito sguardo satirico. Annoverato fra i migliori film americani di tutti i tempi, ottenne l’Oscar per la miglior canzone, I’m easy di Keith Carradine.

Categorie
Recensioni

M.A.S.H.

(1970) R: Robert Altman A: Donald Sutherland, Elliott Gould, Tom Skerritt. Guerra di Corea, ospedale da campo : tre medici ne combinano per i porci. Farsa screanzata, Altman affetta la tradizionale commedia made in USA con un cinismo esemplare.