Categorie
Recensioni

…e alla fine arriva Polly

(2004) R: John Hamburg A: Ben Stiller, Jennifer Aniston, Debra Messing, Philip Seymour Hoffman. Commedia riderella su un mite agente assicurativo che incontra un’ex compagna di classe e se ne innamora. La Aniston attizza, Stiller è sempre buffo, Hoffman un prezioso valore aggiunto.

Categorie
Recensioni

L’arte di vincere

(2011) R: Bennett Miller A: Brad Pitt, Robin Wright, Jonah Hill, Philip Seymour Hoffman. Storia vera del direttore generale di una squadra di baseball (Pitt) che riesce con due lire a tirar su uno squadrone sfruttando un sistema basato sul puro calcolo matematico. Pellicola che ha la capacità straordinaria di intrattenere quand’anche non commuovere, che esulta nell’aver trovato lo strike vincente con un B. Pitt furiosamente eccitante e Hill un prezioso deuteragonista. Di quei film dei quali si sente sempre un gran bisogno.

Categorie
Recensioni

Le idi di marzo

(2011) R: George Clooney A: Paul Giamatti, George Clooney, Philip Seymour Hoffman, Ryan Gosling. Gosling è un addetto stampa per la campagna elettorale del Partito democratico che ben presto scopre gli altarini della politica. Solita manfrina sulla classe dirigente, i giochi di potere, i mass media etc. etc. ma in fondo questo è un film di recitazione, che si affida volontariamente ad interpretazioni ricche di sfumature soprattutto (direste mai?) da parte di Gosling, che qui rischia di risultare addirittura espressivo. Clooney convince, di qua e di là della camera.

Categorie
Recensioni

La 25a ora

TOP (2002) R: Spike Lee A: Edward Norton, Barry Pepper, Philip Seymour Hoffman. Condannato per spaccio ha a disposizione il suo ultimo giorno di libertà per riconciliarsi con sé stesso e col mondo. Greve riflessione sull’America dell’undici settembre, col senso di desolazione che aleggia stupendamente negli occhi di un grande Edward Norton.

Categorie
Recensioni

Onora il padre e la madre

(2007) R: Sidney Lumet A: Philip Seymour Hoffman, Ethan Hawke, Albert Finney. Due fratelli con problemi economici organizzano un colpo alla gioielleria… dei genitori! Film spietato come un killer di coscienze, diretto e recitato magistralmente, è il ritratto disperato di un mondo senza dignità.

Categorie
Recensioni

I Love Radio Rock

(2009) R: Richard Curtis A: Philip Seymour Hoffman, Bill Nighy, Nick Frost. Ottima commedia su una radio pirata anni Sessanta che trasmette da un barcone. C’è tutto : personaggi sapidi, sentimentalismo, scene trionfali, bella selezione musicale.