Categorie
Recensioni

Prove apparenti

(1966) R: Sidney Lumet A: Andy Garcia, Richard Dreyfuss, Lena Olin, Ian Holm. Dramma forte e minuzioso sulla corruzione negli ambienti polizieschi, con una performance ricca di A. Garcia. Da un romanzo.

Categorie
Recensioni

Quinto Potere

(1976) R: Sidney Lumet A: Faye Dunaway, William Holden, Peter Finch, Robert Duvall. Satira appuntita sul mondo della televisione, diretta con il contagiri e recitata spettacolarmente, che parla di un conduttore il quale dopo aver scoperto di essere stato licenziato minaccia di ammazzarsi in diretta. 4 Oscar: attore e attrice protagonisti, attrice non protagonista, sceneggiatura.

Categorie
Recensioni

Vivere in fuga

(1988) R: Sidney Lumet A: River Phoenix, Christine Lahti, Judd Hirsch, Jonas Abry. Toccante e superbo dramma familiare che racconta la storia di una coppia clandestina di attivisti e i loro due figli in fuga dall’FBI. Attenzione: contiene un prodigio di nome River Phoenix.

Categorie
Recensioni

Quel pomeriggio di un giorno da cani

(1975) R: Sidney Lumet A: Al Pacino, John Cazale, Penelope Allen, Sully Boyar. Pacino (con la splendida voce di Giancarlo Giannini) è un piccolo rapinatore che prova a svaligiare una banca a Brooklyn ma qualcosa non va. Basato su una storia vera, è una pellicola piena di brio, di bella atmosfera settantesca con pregevoli vedute nuiorchesi. Se non è la più centrata delle performance di Al Pacino, è senza dubbio fra le prime 3/4.

Categorie
Recensioni

Il verdetto

(1982) R: Sidney Lumet A: Paul Newman, Charlotte Rampling, Jack Warden, James Mason. Newman si fa superbamente ricordare nel ruolo di un avvocato bruciato dall’alcol, il quale accetta di occuparsi di un caso di malasanità per risollevare le sorti della sua carriera. Sceneggiato da David Mamet, che ricevette per questo una nomination agli Oscar, è meno un dramma in aula e più un affresco del dramma interiore vissuto dal protagonista.

Categorie
Recensioni

Pelle di serpente

(1960) R: Sidney Lumet A: Marlon Brando, Joanne Woodward, Anna Magnani, Maureen Stapleton. Brando musicista vagabondo arriva in città; col suo fascino porterà scompiglio. Da un’opera teatrale di Tennessee Williams, un film che pur evolvendosi irreparabilmente su sé stesso, grazie alla sola magnetica presenza di due autentiche “stelle” (Brando/Magnani) passa inevitabilmente da melodramma di fascino.

Categorie
Recensioni

La parola ai giurati

(1957) R: Sidney Lumet A: Henry Fonda, Lee J. Cobb, Martin Balsam, John Fiedler. Adattamento di un soggetto scritto per la TV che racconta di un uomo che cerca di convincere gli altri giurati di un processo dell’innocenza dell’imputato. Pietra miliare del cinema americano, è un film splendente e impegnato, di un b/n riccamente contrastato e con un cast eccezionale.

Categorie
Recensioni

Onora il padre e la madre

(2007) R: Sidney Lumet A: Philip Seymour Hoffman, Ethan Hawke, Albert Finney. Due fratelli con problemi economici organizzano un colpo alla gioielleria… dei genitori! Film spietato come un killer di coscienze, diretto e recitato magistralmente, è il ritratto disperato di un mondo senza dignità.

Categorie
Recensioni

Serpico

(1973) R: Sidney Lumet A: Al Pacino, John Randolph, Jack Kehoe. La storia vera di un onesto poliziotto di New York che si oppose alla corruzione nel suo reparto. Ripreso con discrezione quasi documentaristica da Lumet, un grande Pacino, doppiato da un altrettanto grande Ferruccio Amendola.