Categorie
Recensioni

Tutti a casa

(1960) R: Luigi Comencini A: Alberto Sordi, Serge Reggiani, Carla Gravina, Martin Balsam. Dopo l’8 settembre ’43 il sottotenente Sordi, ligio al dovere, le prova tutte per tener unito il suo reparto. Dramma bellico dove si alternano opportunamente momenti tragici e altri comici, diretto abilmente e con delle interpretazioni da lodi.

Categorie
Recensioni

Tora! Tora! Tora!

(1970) R: Richard Fleischer, Kinji Fukasaku, Toshio Masuda A: Martin Balsam, Sô Yamamura, Jason Robards, Joseph Cotten. Efficace ricostruzione del celebre attacco giapponese alla base americana di Pearl Harbor durante la seconda guerra mondiale. Ha il pregio non scontato di informare e intrattenere allo stesso livello. Un Oscar, per gli effetti speciali.

Categorie
Recensioni

Il piccolo grande uomo

(1970) R: Arthur Penn A: Dustin Hoffman, Faye Dunaway, Chief Dan George, Martin Balsam. Penn adatta in maniera squisita un romanzo di Thomas Berger su un giovane cresciuto in mezzo agli indiani. Il risultato è una più che apprezzabile favola di frontiera che ha l’indubbio pregio di voler osservare i nativi americani da una prospettiva del tutto originale.

Categorie
Recensioni

Tutti gli uomini del presidente

(1976) R: Alan J. Pakula A: Dustin Hoffman, Robert Redford, Jack Warden, Martin Balsam. Due giovani reporter indagano su quello che passerà alla storia come il “Watergate”, caso di spionaggio con al centro il tentativo di sabotare la campagna elettorale del Partito democratico da parte di esponenti repubblicani nel 1972. Thriller investigativo di assoluto rispetto con delle ottime prestazioni attoriali, la trama esonda qua e là ma il coinvolgimento è assicurato. Vinse 4 Oscar: attore non protagonista, sceneggiatura, scenografia, sonoro.

Categorie
Recensioni

La parola ai giurati

(1957) R: Sidney Lumet A: Henry Fonda, Lee J. Cobb, Martin Balsam, John Fiedler. Adattamento di un soggetto scritto per la TV che racconta di un uomo che cerca di convincere gli altri giurati di un processo dell’innocenza dell’imputato. Pietra miliare del cinema americano, è un film splendente e impegnato, di un b/n riccamente contrastato e con un cast eccezionale.